Rocco Hunt Lights Up The Bowery Electric

Musical Notes Global caught up with Italian rapper Rocco Hunt this past Monday, November 14, in New York City during his first solo show in the United States. Presented by the NYC-based Italian radio station Radio Nuova York, the show was held at the hip music venue and night club The Bowery Electric.

At the age of 21, Hunt, born Rocco Pagliarulo, already has an impressive resume that includes a Sanremo win and platinum sales. But under that cool exterior that he so often presents to the world lies a kind and genuine soul who constantly recognizes the responsibility he carries as a music artist in today's society.

Over the past few years, powerful lyrics and a signature freestyle flow have quickly lead Rocco to become a voice for Italy's young generation, stirring them to take action to create a better future through songs infused with Neapolitan dialect, such as his rousing anthem and 2016 Sanremo entry “Wake Up.”

Arriving in the U.S. last week, he said during this trip: "I have enjoyed getting to know the Italian-American side of New York," acknowledging the huge presence of Italians in America. "I am honored to be able to represent Italians living here for so long."

In addition to inspiring fans across Italy and Europe, his music has achieved the feat of crossing oceans, as witnessed Monday night. Despite this explosive success, though, he remains humble, comparing himself as an Italian rapper to a non-Italian pizza maker. Still, he said, "I want the American audience to know about me and all my music and the way I rap, so I hope tonight I can persuade the American people even though it won’t be easy."

 Rocco Hunt performing at The Bowery Electric, New York City

Rocco Hunt performing at The Bowery Electric, New York City

In the intimate setting of The Bowery Electric, under the glowing pink and blue stage lights, Rocco played to a warm welcome from an audience of Italian-Americans who had been anxiously awaiting his arrival. Their love for both Italy and his music filled every corner of the room, fostering a comfortable familiarity between performer and fan. Singing along to every song, the audience reciprocated his love for his craft and for them.

“New York is a great city," Hunt said. "I think it’s one of the most wonderful cities in the world.” There is no doubt that New York thinks he's pretty wonderful too.

Check out Rocco's full interview with Musical Notes Global below, where he talks about friend and mentor Clementino, the influence of American hip-hop and rap on his music, and working with Annalisa. He thought it was pretty cool to do the interview in two languages and admitted it was his first time interviewing in English!

Lunedì il 14 di novembre Musical Notes Global ha fatto un’intervista al rapper italiano Rocco Hunt, chi ha dato il suo primo solo show negli Stati Uniti. Presentato dalla stazione di radio italiano Radio Nuova York, lo spettacolo si è tenuto a NYC al club e locale di musica si chiama The Bowery Electric.

All’età di 21 anni, Hunt, nato Rocco Pagliarulo, ha già raggiunto un sacco di conquiste impressionanti che includono una vittoria al Festival di Sanremo e vendite di platino. Dietro la sua apparenza "super cool" che presenta al mondo è un’anima gentile e genuina che riconosce constantemente la responsabilità che porta come musicista nella società d’oggi.

Nel corso degli ultimi anni, testi potenti ed un freestyle flow distintivo hanno rapidamente portato Rocco a diventare una voce per le giovani generazioni in Italia. Lui sta incoraggiandoli a creare un futuro migliore attraverso canzoni piene di parole nel dialetto napoletano, come l’inno travolgente ed il suo ingresso di Sanremo 2016 "Wake Up”.

Rocco è arrivato negli Stati Uniti la settimana scorsa, e ha detto che quello che gli è piaciuto nel corso di questo viaggio "è aver conosciuto il lato italoamericano di New York.” Riconoscere la grande presenza d’italiani in America, ha continuato: “Sono onorato di poter rappresentare italiani che vivono qui a New York da tanto tempo”.

Oltre a ispirare i fan da tutta Italia ed Europa, la sua musica ha realizzato l’impresa di attraversare oceani, come si è visto lunedì sera. Nonostante questo successo, però, lui resta umile, paragonando se stesso come un rapper italiano ad un pizzaiolo non italiano. Eppure, ha detto, “Voglio che il pubblico americano sappia di me e della mia musica e del modo in cui faccio rap, e quindi spero che questa sera riesca a convincere il pubblico americano anche se non sarà facile.”

Nell’atmosfera intima di The Bowery Electric, sotto le luci di scena brillanti rosa e blu, Rocco ha suonato ad un benvenuto caloroso da un pubblico italoamericano che era stata in trepidante attesa del suo arrivo. Il loro affetto per Italia e per la musica di Rocco hanno riempito ogni angolo dello spazio, incitando una comoda familiarità tra il musicista ed il fan. Il pubblico ha cantato ogni canzone insieme a Rocco e gli ha ricambiato il suo amore per la sua arte ed il suo affetto per loro.

“New York è una grande città,” ha detto Hunt. “Credo che sia una delle città più belle del mondo.” E non c’è dubbio che New York anche pensa che Rocco è troppo meraviglioso!

Scoprite l’intervista completa a Rocco di Musical Notes Global, dove si parla dell’amico ed il suo mentore Clementino, l'influenza di hip-hop e rap americano sulla sua musica, e di lavorare con Annalisa. Rocco ha pensato che fosse troppo cool da fare l'intervista in due lingue e ha ammesso che è stata la sua prima intervista in inglese!

 

Follow Rocco on social media:

Twitter: @RoccoHunt

Instagram: @poetaurbano

Facebook: @RoccoHuntOfficialPage